Moda: importante accordo tra Italia e Cina

Un importantissimo accordo, teso a favorire la cooperazione tra il sistema moda italiano e quello cinese, è stato messo nero su bianco a Milano.
Firmatari sono stati Mario Boselli, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI) e Xing He Ping, Presidente di China Business Coalition Shopping Center Professional Commitee, associazione facente parte della Camera di Commercio Cinese il cui compito è la gestione dei grandi Mall cinesi.

All’evento ha preso parte anche il console cinese Li Bin, con delega al servizio commerciale, il quale ha affermato:“L’export italiano di moda verso la Cina è passato dai 110 milioni di euro del 2011 ai 230 milioni del 2012. Dal nostro punto di vista, per questo settore ci sarà ancora un ampio margine di sviluppo perché i cittadini cinesi sono costantemente alla ricerca dell’eccellenza del Made in Italy

Il patto tra le due associazioni si configura come una prosecuzione delle alleanze stipulate nel 2011 con la China National Garment Association e la China Fashion Association.
Lo scopo fondamentale di queste iniziative è di agevolare l’ingresso delle aziende italiane di piccole e medie dimensioni in Cina, in particolare, nelle città di secondo e terzo livello oggi interessate da una crescita esponenziale. Alla base del progetto di collaborazione vi sarà lo scambio di dati economici e informazioni finalizzate ad agevolare la promozione di investimenti, la cooperazione su temi culturali e formativi, la promozione degli investimenti cinesi in Italia, lo sviluppo di specifici progetti immobiliari nel Paese asiatico e la realizzazione di nuovi canali distributivi in loco.

Xing He Ping
ha espresso tutta la sua soddisfazione per questa iniziativa puntando il dito sulla qualità del Made in Italy: “I prodotti italiani rappresentano nel mondo l’eccellenza ed è stato questo il punto di partenza della nostra alleanza, siamo consapevoli che l’accordo siglato in queste ore potrà essere una straordinaria occasione per promuovere la cultura del Made in Italy in Cina attraverso il supporto di partner finanziari e immobiliari“.

Boselli
ha precisato che l’iniziativa verrà presentata anche in Cina il prossimo 1° Giugno, in occasione della sesta edizione della China Retailers Convention and Exibition prevista nella città di Kunshan. A vigilare sull’accordo sarà un comitato di esperti, tre per il CNMI e tre per la China Business Coalition, affiancati da Luciano Nataloni il cui compito sarà di financial advisory e gestione di investimenti immobiliari.
Il presidente di CNMI proseguendo nel’intervista ha aggiunto: “In Cina si sta sviluppando una sensibilità speciale nei confronti del bello e ben fatto italiano, frutto di un orientamento generale della società verso un gusto più sobrio e meno ostentato, c’è quindi grande spazio d’azione per i marchi italiani di piccole e medie dimensioni che vogliano fare il loro ingresso nel Paese. Ci impegneremo a creare brand distributori e concept retail tarati sulle esigenze di ciascuna piazza, attraverso lo studio e l’analisi delle specificità di ogni location“.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *